TAEG Affidamenti in Conto Corrente

Le nuove Disposizioni di Vigilanza emanate da Banca d’Italia in materia di trasparenza bancaria prevedono la classificazione della clientela in tre differenti categorie:

  • Consumatori
  • Clientela al dettaglio
  • Altri

La categoria “Clientela al dettaglio” ricomprende:

  • Consumatori
  • Persone fisiche che svolgono attività professionale o artigianale
  • Enti senza finalità di lucroImprese che occupano meno di 10 addetti e realizzano un fatturato annuo o un totale di bilancio annuo non superiori a 2 milioni di euro.

A maggior tutela della “Clientela al dettaglio” le sopra citate nuove Disposizioni di Vigilanza in materia di trasparenza prevedono alcuni adempimenti.

In particolare, nei casi in cui la banca offra contratti di apertura di credito che prevedano l’applicazione della commissione di massimo scoperto o altre forme di remunerazione degli affidamenti comprensive di una pluralità di costi, (come ad esempio la commissione di affidamento accordato), la banca è tenuta a pubblicare sul proprio sito internet un algoritmo di calcolo che consenta un’agevole determinazione dei costi complessivi relativi agli affidamenti in conto corrente.

A questo scopo la nostra Banca ha messo a disposizione lo strumento “Calcolo TAEG”.

L’utilizzo dello strumento è semplice ed immediato.
A fronte dell’inserimento di tutti i dati della linea di credito desumibili dal foglio informativo:

  • Tasso di interesse ed oneri ulteriori
  • Importo
  • Durata del rapporto

viene calcolato in automatico il TAEG, espresso in termini percentuali e su base annua.